Come rinunciare al registratore di cassa?

Abbiamo preparato le seguenti informazioni in collaborazione con gli uffici contabili e i negozi online di nostra competenza.

Ricordate che ogni caso deve essere interpretato individualmente. Consultate il vostro consulente fiscale o il vostro commercialista prima di decidere di abbandonare il registratore di cassa! :-)

Se un contribuente vende per corrispondenza, può beneficiare dell'esenzione dalla registrazione su un registratore di cassa fiscale, una volta soddisfatte alcune condizioni:

  • Se i pagamenti per la merce ordinata vengono effettuati per intero sul conto bancario del contribuente: tramite posta (contrassegno), banca (pagamento elettronico) o SKOK
  • Se la fornitura di beni si riferisce a un'attività che si svolge per corrispondenza,
  • Se dai registri e dalle prove che documentano il pagamento (ad esempio, una fattura) risulta chiaro a quale specifica transazione si riferisce il pagamento e per conto di chi è stato eseguito
  • Se i prodotti che il contribuente vende non sono elencati nell'Ordinanza del Ministro delle Finanze (link più avanti in questo articolo)

Se il contribuente soddisfa i requisiti di cui sopra, non sarà obbligato a registrare in un registratore di cassa fiscale la vendita di beni per corrispondenza. Se il contribuente utilizza un registratore di cassa fiscale, può chiederne la cancellazione.

Perché può essere conveniente rinunciare alle ricevute?

  • Non è necessario mantenere (o acquistare) una stampante fiscale.
  • Non è necessario stampare e confezionare le ricevute.
  • Non dovete stampare gli estratti conto mensili che il vostro commercialista trascrive manualmente nel vostro software di contabilità.

Perché il passaggio alle fatture potrebbe essere conveniente?

  • Fatturazione automatica degli ordini, compresa la generazione di rettifiche, resi e duplicati.
  • Le fatture saranno l'unico documento di fatturazione, per tenere in ordine i vostri documenti o archivi :)
  • Generare un estratto conto mensile e scaricare tutte le fatture in PDF con un solo clic
  • Consegnate al vostro commercialista l'estratto conto mensile in archivio e le fatture generate in formato PDF.
  • Grazie all'esportazione delle fatture dal negozio, il vostro commercialista caricherà tutte le vendite nel software di contabilità.
  • Nessuna differenza contabile dopo il passaggio alla fatturazione B2C
  • Nessun costo fiscale aggiuntivo dopo il passaggio alla fatturazione
  • Automatizzando la fatturazione, non dovrete stampare, risparmiando così le risorse naturali della Terra.

Come passare alla fatturazione: perché è stato scritto questo articolo?

Se pensate che l'abbandono delle ricevute possa facilitare la gestione del vostro negozio online e della vostra attività, leggete il resto dell'articolo. Alla fine, troverete un link al nostro modulo che automatizzerà la fatturazione nel vostro negozio PrestaShop :-)

Vendite per corrispondenza e obbligo di utilizzo del registratore di cassa - Interpretazione KIS

Fonte

Bollettino dei servizi economici e finanziari n. 24 (1067) del 20.08.2020, pagina 24 (interpretazione individuale del Direttore delle informazioni fiscali nazionali del 23 luglio 2020, n. 0111-KDIB3-2.4012.401.2020.1.MN).

Stato di fatto

Un contribuente IVA attivo effettuava vendite al dettaglio di articoli per la decorazione e l'arredamento della casa a persone che non svolgevano attività commerciali. Era obbligato a tenere i registri delle vendite utilizzando i registratori di cassa fiscali - il registratore di cassa è stato installato nel 2009. A partire da febbraio 2020, le vendite sono state effettuate solo a persone non commerciali per corrispondenza (per posta o corriere). Il contribuente ha ricevuto tutti i pagamenti sotto forma di bonifici bancari o altre forme di pagamento non in contanti, su un conto bancario tenuto per scopi commerciali. Nel caso di uno scambio di beni, il pagamento/pagamento è stato accettato dal corriere e il denaro ricevuto è stato depositato sul conto bancario del contribuente. La vendita è stata documentata dal corriere sotto forma di dichiarazione di pagamento indicante il numero dell'ordine, il numero della polizza di carico, l'importo incassato e i dati personali dell'acquirente. Dai registri e dalle prove che documentano il pagamento, era chiaramente evidente quale transazione specifica riguardasse e a chi fosse stata effettuata. In totale, il fatturato realizzato per le persone che non gestiscono un'impresa supera i 20.000 zloty all'anno. Il contribuente non ha venduto articoli e servizi esclusi dall'esenzione dalla tenuta di registri con l'uso di registratori di cassa.

Il contribuente ha chiesto se, nella situazione descritta, avesse diritto all'esenzione dall'obbligo di tenere i registri delle vendite tramite registratori di cassa fiscali e se potesse cancellare il registratore di cassa utilizzato.

Posizione dell'autorità fiscale

L'autorità fiscale ha ricordato che l'articolo 111, paragrafo 1, della legge sull'IVA stabilisce la regola generale, da cui si evince che l'obbligo di tenere i registri delle vendite utilizzando un registratore di cassa si applica a tutti i contribuenti che vendono ai destinatari ivi specificati, ossia le persone fisiche che non svolgono attività commerciale e gli agricoltori forfettari. Il criterio di base che determina l'obbligo di tenuta dei registri di cassa è quindi lo status dell'acquirente. Le questioni relative alle esenzioni dall'obbligo di tenuta delle scritture con l'uso dei registratori di cassa di alcune attività e di alcuni gruppi di contribuenti, nonché i termini per l'avvio della tenuta di tali scritture con l'uso dei registratori di cassa, a partire dal 1° gennaio 2019, sono disciplinate dal Regolamento del Ministro delle Finanze del 28 dicembre 2018 sulle esenzioni dall'obbligo di tenuta delle scritture con l' uso dei registratori di cassa (Gazzetta delle leggi del 2018, voce 2519).

Vendite per corrispondenza - esenzione soggettiva dalla registrazione

Ai sensi del § 2 (1) e (2) del suddetto regolamento, le attività elencate nell'appendice del regolamento (nel rispetto delle condizioni stabilite nell'appendice) sono esentate dall'obbligo di tenuta dei registri in un determinato anno fiscale, ma non oltre il 31 dicembre 2021. La voce 36 della suddetta appendice indica la fornitura di beni per corrispondenza (per posta o per corriere), se il fornitore dei beni riceve il pagamento completo per l'attività svolta per posta, banca o SKOK (rispettivamente, sul conto bancario del contribuente o sul conto del contribuente in una SKOK di cui è membro), e le registrazioni e le prove che documentano il pagamento indicano in modo inequivocabile l'attività specifica a cui si riferisce e per conto della quale è stato effettuato (i dati dell'acquirente, compreso il suo indirizzo). Ai sensi del § 4 del suddetto regolamento, le esenzioni dall'obbligo di tenere registri - tra l'altro, di cui sopra - non si applicano nei casi specificati nel regolamento (tra l'altro, nel caso di vendite di supporti di dati digitali e analogici registrati e non registrati).

Pertanto, un contribuente può beneficiare dell'esenzione dall'obbligo di registrare il fatturato utilizzando un registratore di cassa - ai sensi del § 2(1) in combinato disposto con il punto 36 dell'allegato al regolamento - se sono soddisfatte congiuntamente le seguenti condizioni:

  • la fornitura di beni si riferisce a un'attività che si svolge per corrispondenza (per posta o per corriere)
  • il pagamento dei beni viene effettuato per intero tramite posta, banca o SKOK - sul conto bancario del contribuente o sul conto di un contribuente in una SKOK di cui è membro
  • dai registri e dalle prove che documentano il pagamento è chiaro a quale specifica transazione il pagamento si riferisca e a quale beneficio sia stato effettuato,
  • l'oggetto della fornitura non è costituito dai beni elencati nel § 4 dell'Ordinanza.

Il mancato rispetto di una delle condizioni di cui sopra comporta l'impossibilità di applicare l'esenzione in questione.

Alla luce di quanto sopra, l'autorità fiscale ha ritenuto che, nella situazione descritta dal contribuente, fossero soddisfatte tutte le condizioni che consentono l'esenzione dall'obbligo di registrare su un registratore di cassa le vendite di beni, per corrispondenza, a persone fisiche che non svolgono attività economica e ad agricoltori forfettari. Il contribuente ha quindi diritto a beneficiare di questa esenzione, ma non oltre il 31 dicembre 2021.

Cancellazione del registratore di cassa fiscale

Per quanto riguarda, invece, i dubbi relativi alla possibilità di cessare la tenuta dei registri delle vendite con l'utilizzo di un registratore di cassa e la sua cancellazione, l'autorità fiscale ha ritenuto che, poiché il contribuente vende solo beni, la cui fornitura è coperta dall'esenzione dall'obbligo di tenere i registri delle vendite con l'utilizzo di un registratore di cassa, può presentare una domanda al competente capo dell'ufficio fiscale per la sua cancellazione dal registro dei registratori di cassa, ai sensi del § 34 dell'ordinanza del Ministro delle Finanze del 29 aprile 2019 sui registratori di cassa (Gazzetta Ufficiale n. 816).

In conformità a tale disposizione, in caso di cessazione dell'utilizzo di un registratore di cassa con registrazione elettronica o cartacea a causa della cessazione dell'attività commerciale o del funzionamento di tali registratori di cassa in modalità fiscale, il contribuente:

  1. emette un rapporto fiscale giornaliero e un rapporto fiscale periodico (mensile),
  2. senza indugio, con l'assistenza di un tecnico di servizio, esegue una lettura del contenuto della memoria fiscale emettendo un verbale di liquidazione fiscale e redige un protocollo di questa attività, secondo il modello che costituisce l'Appendice n. 4 del regolamento,
  3. presentare il verbale di lettura del contenuto della memoria fiscale, unitamente all'allegato verbale di liquidazione, entro 5 giorni dalla data della loro redazione, al responsabile dell'ufficio fiscale competente per il contribuente,
  4. redige e presenta, insieme ai documenti di cui al punto 3, al capo dell'ufficio fiscale competente per il contribuente, una domanda di cancellazione del registratore di cassa dal registro dei registratori di cassa, secondo il modello che costituisce l'appendice n. 5 del regolamento.

Consegna di merci per mezzo di un'impresa di trasporto ed esenzione dal registro di cassa

Fonte: Guida IVA n. 8 (536) del 20.04.2021, pagina 25.

All'inizio del 2021 ho avviato un'attività di vendita di beni online a privati. Tutti i pagamenti vengono effettuati tramite bonifico bancario sul mio conto corrente. Spedisco la merce ai clienti tramite una società di trasporti. È necessario registrare tali vendite in un registratore di cassa fiscale?

Le entità che vendono beni online possono beneficiare di due tipi di esenzioni, ovvero sulla base del fatturato e sulla base della vendita di beni per corrispondenza, e le regole per il loro utilizzo sono stabilite nel regolamento sulle esenzioni.

Il contribuente che inizia dopo il 31 dicembre 2018 la fornitura di beni o la prestazione di servizi a persone fisiche non esercenti attività d'impresa e agli agricoltori forfettari, fino al 31 dicembre 2021, è esonerato dall'obbligo di tenuta dei registri con l'utilizzo di registratori di cassa, se il volume d'affari previsto per questo conto non supera, in proporzione al periodo di svolgimento di queste attività in un determinato anno fiscale, l'importo di 20.000 PLN. Ciò è previsto dal § 3 sezione 1 punto 2 del regolamento sulle esenzioni. Tuttavia, se nel corso dell'anno il fatturato delle vendite a privati supera il limite calcolato in proporzione al periodo in cui le vendite sono state effettuate nel 2021, l'esenzione cesserà di essere valida dopo il decorso di due mesi dal mese in cui il fatturato ha superato il suddetto limite (§ 5(2) del regolamento).

Un contribuente il cui fatturato è superiore a 20.000 PLN ha la possibilità di usufruire dell'esenzione per le vendite per corrispondenza, ma in questo caso è necessario soddisfare ulteriori condizioni.

Questa esenzione è definita al § 2(1) in relazione al punto 36 dell'allegato al regolamento sulle esenzioni e si applica alla fornitura di beni per corrispondenza (per posta o corriere), a condizione che:

  • il fornitore dei beni riceve il pagamento completo della fornitura tramite posta, banca o cooperativa di risparmio e credito (rispettivamente, sul conto bancario del contribuente o sul conto del contribuente nella cooperativa di risparmio e credito di cui è socio),
  • dai registri e dalle prove che documentano il pagamento è chiaro a quale transazione specifica si riferisca e a chi sia stato effettuato (dati dell'acquirente, compreso il suo indirizzo).

Va detto che un contribuente è escluso dalla possibilità di beneficiare di qualsiasi esenzione specificata nel regolamento vendendo i beni elencati nel § 4 sezione 1 punto 1 del regolamento sulle esenzioni.

Il direttore dell'Ufficio nazionale delle informazioni fiscali, in un'interpretazione individuale del 12 marzo 2021, n. 0113-KDIPT1-3.4012.929.2020.1.ALN, ha spiegato che il legislatore ha esplicitamente indicato che solo l'invio di merci per posta o tramite corriere consente di beneficiare dell'esenzione dall'obbligo di tenere registri mediante un registratore di cassa ai sensi del § 2 in combinato disposto con il punto 36 dell'allegato al regolamento sulle esenzioni, pur soddisfacendo le altre condizioni derivanti dalla suddetta disposizione.

In questa interpretazione, è stato indicato che le regole per lo svolgimento dell'attività economica consistente nella fornitura di servizi postali nel fatturato nazionale o estero sono definite nella legge del 23 novembre 2012. Legge postale (Gazzetta ufficiale del 2020, voce 1041 e successive modifiche). Ai sensi dell'articolo 46, paragrafo 1, della presente legge, un operatore designato, ossia un operatore postale obbligato a fornire servizi universali, è obbligato a fornire servizi universali sul territorio dell'intero Paese.

Per quanto riguarda i servizi di corriere, è stato indicato che, sebbene non siano direttamente regolamentati dalla legge polacca, tali questioni sono menzionate nella legge del 15 novembre 1984 - Legge sui trasporti (Gazzetta delle leggi del 2020, voce 8), nonché nella summenzionata legge sul diritto postale.

A sua volta, ai sensi dell'articolo 3, punto 19, della legge sulle poste, un invio di corriere è un invio di lettera che è un invio raccomandato o un pacco postale, ricevuto, smistato, trasportato e consegnato in modo congiunto, che garantisce:

  • ritiro diretto dell'invio postale presso il mittente,
  • tracciabilità dell'invio postale dal momento dell'invio fino alla consegna,
  • consegna dell'invio postale entro un periodo di tempo garantito specificato nei regolamenti sulla fornitura di servizi postali o negli accordi sulla fornitura di servizi postali,
  • consegna dell'invio postale direttamente al destinatario o alla persona autorizzata a ritirarlo,
  • ottenere una ricevuta di ricezione dell'invio postale in forma scritta o elettronica.

Allo stesso tempo, è stato sottolineato che l'attività di un operatore postale, e quindi anche di un corriere che opera secondo principi simili, è inclusa nell'attività regolamentata e in questo senso richiede una registrazione aggiuntiva e il soddisfacimento di determinate condizioni. Nel frattempo, come è stato sottolineato, l'avvio del servizio di trasporto merci si riduce solo alla registrazione di un'attività economica.

Di conseguenza, si è ritenuto che:

"(...) nel caso in questione, nella parte relativa alla mancanza dell'obbligo di registrare, tramite un registratore di cassa, le vendite a persone fisiche che non svolgono un'attività economica, che effettuano un ordine in un negozio online, effettuano un pagamento online e ritirano la merce in un punto di ritiro di loro scelta, e la merce sarà consegnata da una società (o da una persona impiegata dalla società) che si occupa della spedizione o del trasporto di merci o di altri servizi connessi alla spedizione/trasporto di merci che non sono servizi postali o di corriere, tutte le condizioni non saranno complessivamente soddisfatte per consentire al Richiedente di essere esonerato dall'obbligo di registrare sul registratore di cassa le vendite di beni per corrispondenza a persone fisiche che non esercitano un'attività commerciale e ad agricoltori forfettari, ai sensi del § 2 par. 1 del regolamento in combinato disposto con il punto 36 dell'allegato al regolamento. Anche se, come indicato nella domanda, sulla base dei registri e della documentazione conservata dal richiedente sarà possibile determinare a quale ordine specifico si riferisce il pagamento ricevuto sul conto della società, e a chi è stata effettuata la vendita, e il pagamento della merce acquistata può essere effettuato a scelta del cliente utilizzando il sistema di pagamento ... o tramite bonifico tradizionale via Internet sul conto bancario indicato in fattura o nel corpo dell'e-mail, la condizione di consegna della merce per corrispondenza, cioè tramite posta o corriere (...) non sarà soddisfatta".

Per riassumere

Nella situazione descritta, un contribuente che vende beni per corrispondenza ha la possibilità di beneficiare dell'esenzione dall'obbligo di utilizzare un registratore di cassa fiscale a causa dell'entità del fatturato. Non può beneficiare dell'esenzione dalla registrazione sulla base del § 2 in relazione al punto 36 dell'allegato al regolamento sulle esenzioni, se la fornitura di merci per corrispondenza è effettuata tramite un'impresa di trasporto.

Fornitura di prodotti per corrispondenza e cassa fiscale

Fonte: Guida IVA n. 6 (510) del 20.03.2020, pagina 33.

, "Nel 2018 abbiamo abolito la cassa fiscale. Ora intendiamo effettuare vendite per corrispondenza di prodotti a privati. Riceveremo il pagamento della merce sul nostro conto bancario o sarà effettuato alla consegna (il corriere raccoglie il pagamento dal cliente, che lo verserà sul nostro conto). Dovremo registrare tali vendite in un registratore di cassa?

In generale, le vendite a persone fisiche non imprenditoriali e ad agricoltori forfettari sono soggette a registrazione in un registratore di cassa.

Tuttavia, ai sensi del § 2(1) e del punto 36 dell'allegato al regolamento sulle esenzioni, è esente dall'obbligo di tenuta dei registri in un determinato anno fiscale, ma non oltre il 31 dicembre 2021, la fornitura di beni per corrispondenza (per posta o corriere). Affinché un contribuente abbia diritto ad applicare questa esenzione, devono essere soddisfatte le seguenti condizioni:

  • il fornitore dei beni riceve il pagamento completo per la transazione effettuata tramite la posta, una banca o una cooperativa di risparmio e credito (rispettivamente, sul conto bancario del contribuente o sul conto del contribuente nella cooperativa di risparmio e credito di cui è membro),
  • dai registri e dalle prove che documentano il pagamento è inequivocabile quale sia la transazione specifica in questione e a chi sia stata effettuata (dati dell'acquirente, compreso il suo indirizzo).

Tuttavia, questa esenzione non può essere utilizzata da un contribuente che consegna personalmente i beni all'acquirente senza ricorrere ai servizi postali o ad altri servizi di corriere.

Va inoltre ricordato che un contribuente non può beneficiare di nessuna delle esenzioni previste dal regolamento vendendo i beni elencati nel § 4(1)(1) del suddetto regolamento.

Il direttore dell'informazione fiscale nazionale in un'interpretazione individuale del 22 novembre 2019, n. 0114-KDIP1-3.4012.492.2019.1.ISK, esaminando un caso in uno stato simile alla domanda posta, ha spiegato che: "(...) poiché le cessioni di beni effettuate nell'ambito dell'attività di vendita al dettaglio di abbigliamento della ricorrente sono effettuate con il sistema della vendita per corrispondenza o tramite corriere, i pagamenti sono effettuati secondo le modalità indicate al punto 36 dell'allegato al regolamento sulle esenzioni (...), mentre i beni venduti non rientrano nelle esenzioni indicate al § 4 para. 1(1) del Regolamento sulle esenzioni dai registratori di cassa, il Richiedente ha diritto ad applicare un'esenzione dall'obbligo di registrare le vendite tramite registratori di cassa ai sensi del § 2(1) del Regolamento sulle esenzioni dai registratori di cassa in combinato disposto con il punto 36 della suddetta appendice al Regolamento. (...)"

Inoltre, ha spiegato che: "(...) D'altra parte, per quanto riguarda i dubbi del Richiedente in merito alla possibilità di cessare di tenere i registri delle vendite utilizzando un registratore di cassa, va sottolineato che il Richiedente ha tale diritto in relazione a tutti e tre i registratori di cassa per i quali soddisfa le condizioni per beneficiare dell'esenzione dall'obbligo di tenere i registri delle vendite utilizzando un registratore di cassa. (...)"

Riassumendo

Se, nella situazione presentata nella domanda, i pagamenti per i beni ordinati saranno effettuati per intero sul conto bancario del contribuente (sia direttamente dal destinatario finale che dalle società di corriere, che depositeranno i crediti ricevuti dall'acquirente sul conto bancario del contribuente), il contribuente non sarà obbligato a registrare le vendite di beni per corrispondenza in una cassa fiscale.

Commenti (0)
da 0

Non ci sono commenti. Sii il primo!